Unioni civili, il governo pone la fiducia alla Camera. Renzi: "Giovedì ok definitivo"

78
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA - Dopo il no dell'Aula sulle questioni pregiudiziali nella mattinata di martedì 10 maggi...

ROMA - Dopo il no dell'Aula sulle questioni pregiudiziali nella mattinata di martedì 10 maggio, il governo ha posto la questione di fiducia sul ddl unioni civili. L’annuncio del ministro per i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ha acceso le proteste dell’opposizione, in modo particolare quelle dei deputati della Lega Nord e dei Conservatori e riformisti. 

Il capogruppo della Lega Massimiliano Fedriga ha attaccato i deputati del Pd che avevano applaudito l'annuncio, gridando: «Siete servi della gleba, applaudite pur di essere ricandidati. Le istituzioni devono tutelare le opposizioni».
Gli ha fatto eco Maurizio Bianconi dei Conservatori: «La presidenza deve tutelare le opposizioni. Questo provvedimento è di iniziativa parlamentare, riguarda i diritti civili e mettono lo stesso la fiducia».
«Questo governo intende il Parlamento come uno zerbino»
, ha tuonato invece Alfonso Bonafede di M5s.

Da Forza Italia Antonio Palmieri ha commentato: «Quello che è successo è una cosa che va oltre tutto quello che abbiamo visto nella storia della Repubblica. Eravamo solo in quattro iscritti, per soli quaranta minuti. Ricordo che Renzi aveva lasciato ai suoi libertà di coscienza. Con la fiducia la libertà se le è presa, spero che al momento del voto ciascuno difenda la coscienza».

La richiesta di Forza Italia di stralciare le norme relative alle convivenze di fatto era stata respinta dalla Camera con 233 voti di differenza.

Il voto di fiducia è previsto alle 14.30 di mercoledì 11 maggio, come deciso dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio. L’ok definitivo alla legge, invece, dovrebbe arrivare entro giovedì 12 maggio, come dichiarato anche da Matteo Renzi a Fabio Fazio nel corso della trasmissione “Che Tempo che fa”: «La prossima settimana avremo la legge sui diritti civili metteremo la fiducia e il 12 maggio la legge sarà votata».

Il ministro Maria Elena Boschi sul sì definitivo alle unioni civili ha detto: «Sarà un momento storico anche per ciascuno di noi, il fatto di avere approvato questa legge penso possa valere una esperienza politica, l'aver dato il proprio contributo e aver fatto la propria parte».

[foto: tgcom24.mediaset.it]

Antonella Sica

InfoOggi.it Il diritto di sapere