Università, test d'ingresso: cambiano le regole per l'accesso

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 28 APRILE 2013 – Cambiano le regole per l’accesso all’Atenei italiani. Inf...

MILANO, 28 APRILE 2013 – Cambiano le regole per l’accesso all’Atenei italiani. Infatti, le future matricole quest'anno si dovranno cimentare con un numero inferiore di domande - 60 invece che 80 – che comprenderanno solo cinque quesiti generalisti. In particolare, con 25 domande su 60 verteranno sulla logica. Inoltre, prendendo in esame le specifiche, al test di Medicina e Odontoiatria si avranno: 14 domande di biologia, 8 di chimica e 8 di fisica e matematica. Invece, gli aspiranti veterinari dovranno affrontare 12 interrogativi di biologia, 12 di chimica, 6 di fisica e matematica. Per l’ingresso in architettura, 12 quiz sulla storia, 10 di disegno, 8 di matematica e fisica.

Oltre a ciò, variazioni anche nei tempi della prova, che passa a 90 minuti per tutti - anche per gli architetti che fino all’anno scorso usufruivano di 15 minuti in più – rispetto alle due ore previste negl’anni passati. In merito alla valutazione: 1,5 punti saranno assegnati per ogni risposta esatta, meno 0,4 punti per ogni risposta sbagliata, 0 punti per ogni risposta non data.

Inoltre, entra in attuazione il cosiddetto «bonus maturità», il quale era stato ideato dagli ex ministri Fioroni e Mussi (ex governo Prodi) nel 2007, ma mai applicato. Così, chi uscirà dalle scuole superiori con un voto di diploma dall'80 al 100, partirà con bonus che andrà dai 4 ai 10 punti.

Tuttavia, evidenziamo che le iscrizioni ai test si potranno effettuare dal 6 maggio al 7 giugno solo sul portale www.universitaly.it , visto che quest'anno le date dei test sono state anticipate: 23 luglio per Medicina-Odontoiatria, 24 luglio per Veterinaria, 25 luglio per Architettura. Al 4 settembre è rinviato il test per le professioni sanitarie, ma con domande predisposte dai singoli atenei. Invece, entro il 31 maggio il ministero ( www.miur.it ) fornirà la tabella precisa per convertire il voto di maturità in punti di partenza: uno schema articolato, che terrà conto delle differenze di valutazione tra le scuole. Infine, i risultati dei test saranno diffusi tra il 5 e il 7 agosto e la graduatoria sarà su base nazionale.

(fonte: Corriere della Sera)

Rosy Merola
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere