Eclissi del 28 settembre: la superluna rossa sarà visibile dalla Terra

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
27 SETTEMBRE 2015 – Naso all’insù per scrutare il cielo che farà da sfondo...

27 SETTEMBRE 2015 – Naso all’insù per scrutare il cielo che farà da sfondo alla superluna rossa, con un fenomeno raro che sarà osservabile da tutta Italia.

L’eclissi lunare, che sarà visibile nella notte del 28 settembre – con picchi intorno alle tre del mattino – ritornerà per la prima volta dopo quattro anni. Durante la notte, sarà possibile ammirare il nostro satellite mentre si colora di un rosso intenso, dovuto all'aspetto ramato che la Terra assume durante l’eclissi totale e che i raggi del Sole, che superano lateralmente il nostro pianeta, proiettano sulla Luna.

“La ‘colpa’ è tutta dell’atmosfera della Terra” , ha spiegato spiega Giuseppe Petricca, dell’Unione astrofili italiani, “dato che il sottile strato di gas che ci circonda devia i raggi solari a causa della rifrazione. Dato che la lunghezza d’onda della luce rossa viene diffusa in modo meno efficace rispetto alla lunghezza d’onda blu, la superficie della Luna piano piano va a prendere una colorazione dai toni rossastro/marroncini, in riferimento a quanto il satellite si addentra nel cono d’ombra”.

Sebbene visibile da tutto la penisola, alcune zone saranno più favorite di altre: le regioni nord –occidentali, in particolare, potranno godere più a lungo dello spettacolo poiché la Luna dovrebbe tramontare più tardi.


Fortunatamente, nelle ore in cui l’eclissi dovrebbe essere maggiormente visibile, la Luna sarà in perigeo (ossia nel punto di maggiore vicinanza alla Terra durante l’orbita), a 357 mila km (la distanza media è invece di 384 mila km).

Proprio perché si tratta di un’eclissi totale, non sarà necessaria alcuna strumentazione specifica per osservare questo importante e raro fenomeno.

Ma attenzione a sincronizzare bene gli orologi: dopo la fase di maggiore intensità (tra le 3 e le 4 del mattino), la Luna inizierà piano piano a riprendere l’aspetto ordinario e, già a partire dalle 5 e 203, l’eclissi potrebbe non essere più visibile.

(foto: nextme.it)

Sara Svolacchia
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere