Elezioni Turchia, Erdogan rieletto Sultano. L'opposizione denuncia brogli

48
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ANKARA, 25 GIUGNO – Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato rieletto Sultano d...

ANKARA, 25 GIUGNO – Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato rieletto Sultano della Turchia. Alle elezioni anticipate rispetto al 2019 il capo uscente si dice contento e sicuro della rielezione dopo il 98% dei voti scrutinati, che gli permetterà di avere per 5 anni poteri assoluti attribuiti dal nuovo sistema presidenziale. Una vittoria doppia per Erdogan, che trionfa sia alle presidenziali sia alle parlamentari. Decisiva è stata l’alleanza formata dal partito conservatore di ispirazione religiosa di cui è fondatore, con i nazionalisti dei Lupi grigi, che ha superato il 52% dei consensi, ottenendo così la maggioranza assoluta.

Erdogan, al potere ormai da 16 anni ad Ankara, dovrà affrontare i numerosi problemi che stanno attraversando un paese diviso a metà, primo tra tutti l’economia, in seguito al crollo della lira turca che ha perso oltre il 20% in pochi mesi. "Abbiamo dato a tutti una lezione di democrazia – ha proclamato il Presidente a Istanbul davanti alla folla che lo acclamava -. Nessuno si azzardi a danneggiare la democrazia gettando ombre su questo risultato elettorale per nascondere il proprio fallimento".

Parole riferite alla denuncia di brogli effettuata dal suo oppositore Muharrem Ince, il candidato repubblicano che ha ottenuto oltre il 30% dei consensi. L’opposizione, riunita in quattro gruppi, capeggiata dal laico Ince e il suo Chp non otteneva un risultato così soddisfacente dagli anni Settanta. Risultato che però non è bastato a rovesciare il governo Erdogan. Già prima dell’apertura delle urne l’opposizione aveva gridato al broglio, tanto che Ince prima della conclusione dello scrutinio aveva annunciato: "La competizione non è stata equa, ma accetto che (Recep Tayyip Erdogan) ha vinto".

Federico De Simone

Fonte Immagine: eunews

InfoOggi.it Il diritto di sapere