• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Francavilla: ritrovata della cocaina nell'auto di Fausto Filippone

Abruzzo

FRANCAVILLA AL MARE, 29 MAGGIO- É stata rinvenuta della cocaina nell’automobile di Fausto Filippone, l’uomo che il 20 maggio scorso ha gettato la figlia Ludovica, di 10 anni, dal viadotto dell’A14 a Francavilla al Mare, lanciandosi anche lui nel vuoto dopo alcune ore. Nella mattinata aveva ucciso anche la moglie, Marina Angrilli, dopo averla portata con l'inganno nell'appartamento di proprietà di Chieti scalo affittato agli studenti, buttandola dal balcone del secondo piano. [MORE]


Nella BMW X1 del manager, perquisita subito dopo il suicidio dell’uomo, gli inquirenti hanno ritrovato un bicchiere di plastica contenente una polvere bianca, risultata ad una prima analisi cocaina, mischiata ad un altro prodotto; nell’auto c'era anche una siringa usata, al cui interno erano presenti un paio di gocce di una sostanza da identificare.


Intanto il sostituto procuratore Anna Lucia Campo, titolare dell'inchiesta, ha affidato una seconda consulenza a un tecnico informatico, Davide Ortolano, il quale dovrà esaminare i telefoni cellulari di Fausto Filippone e quella della moglie. Lo smartphone della donna è stato trovato addosso al marito, danneggiato dopo il volo di quaranta metri. Il medico legale Christian D'Ovidio ha analizzato il sangue della piccola Ludovica, cercando conferme o smentite all'ipotesi che la figlia di Filipppone potesse essere stata sedata: servirà attendere almeno altre 24 ore per avere risultati affidabili.


In base a quanto emerge e viene riportato dai giorni locali, quali ChietiToday, il piano di Fausto Filippone appare essere stato premeditato. Ad avvalorare tale tesi concorre la telefonata che il manager avrebbe fatto 2 giorni prima della tragedia, venerdì 18 maggio, ad uno degli inquilini dell’abitazione in piazza Roccaraso a Chieti Scalo; nella chiamata l’uomo chiede che sia lasciata aperta la porta della camera, solitamente lasciata chiusa dallo studente quando è fuori, che dà l’accesso al balcone, balcone dal quale è stata spinta Marina Angrilli.

Fonte dell'immagine: ilpescara.it

Federica Vetta