Immigrazione, Alfano ai Comuni "lavoro gratis per i migranti". "Positivo"incontro con Regioni e Anci

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 07 MAGGIO 2015 - Polemiche e attacchi ha suscitato l'affermazione, o meglio, suggerimento...

ROMA, 07 MAGGIO 2015 - Polemiche e attacchi ha suscitato l'affermazione, o meglio, suggerimento proferito oggi dal ministro dell'Interno, Angelino Alfano in occasione dell'incontro con gli enti locali, tenutosi al Viminale, per affrontare l'emergenza migranti.

LA DICHIARAZIONE DI ALFANO

"Dobbiamo chiedere ai Comuni di applicare una nostra circolare che permette di far lavorare gratis i migranti" risiedenti nei territori comunali ha dichiarato il ministro dopo la Conferenza Unificata, specificando, poco prima dell'incontro con Regioni e Anci, "invece di farli star lì a non far nulla, che li facciano lavorare". La circolare citata, firmata da Mario Morcone, capo Dipartimento libertà civili e immigrazione, il 27 novembre, non permetterebbe l'uso gratuito della manodopera quanto lo svolgimento di attività volontarie di pubblica utilità per favorire l'integrazione con gli abitanti. Oltre la frase, ritenuta shock, il ministro ha affrontato diffusamente l'argomento emergenziale parlando della necessità di un'accoglienza equamente distribuita tra le regioni italiane e i Paesi europei "credo che un criterio di giustizia debba valere per tutti: sia per i Paesi d'Europa, sia per le Regioni d'Italia" e ha aggiunto "dobbiamo poi lavorare in Europa per la protezione umanitaria: è una sfida che consentirebbe di fare andare negli altri Paesi europei coloro che sono beneficiari di protezione umanitaria".

I COMMENTI DA SEL E L'ACCUSA DI SALVINI

Le reazioni della politica e delle associazioni, in seguito alla proposta di lavoro gratuito pronunciata quest'oggi da Alfano, non sono mancate. Tra i primi a reagire Sel con il capogruppo alla Camera, Arturo Scotto che ha tuonato un "si vergogni!". Daniela Santanché via twitter ha scritto "Alfano riscopre lo schiavismo. Lavoro gratis agli immigrati uguale a più disoccupazione per gli italiani". Matteo Salvini, aspro commenta "non ho parole. Alfano da scafista a schiavista". Duri commenti anche dalle Acli (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) "se non è una boutade elettorale è un’affermazione gravissima". 

IL TWEET DI ALFANO CONTRO SALVINI

Alla battuta di Salvini, Alfano, su twitter ha replicato "il fuoricorso Salvini è un ignorantone nel senso etimologico del termine. Perchè ignora moltissimo e, tra ciò che ignora, c'è anche il contenuto della nostra circolare - dello scorso novembre - sul possibile lavoro volontario e gratuito dei migranti nei Comuni. Non dico pensare, sarebbe troppo... Ma almeno leggere, prima di parlare..."

COLLOQUIO POSITIVO CON REGIONI E ANCI: IL COMMENTO DI FASSINO...

In merito all'incontro con i rappresentanti delle Regioni e l'Anci (Associazione Nazionale Comuni d'Italia) è stata espressa profonda soddisfazione "l’incontro con il governo è stato positivo e partiranno da subito dei gruppi di lavoro costituiti da esecutivo, Comuni e Regioni" ha dichiarato Piero Fassino, presidente Anci, che continuando ha detto "gli hub regionali sono insufficienti, e a questo punto serve una accelerazione per lo screening dei rifugiati e per il successivo smistamento ai Comuni - l'intesa stabilisce dunque - un allargamento dell’accoglienza dei profughi ospitati dai Comuni con il potenziamento del sistema Sprar (il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), tra l’altro prevedendo incentivi ai Comuni che collaboreranno su questo piano" e "si è deciso di mettere a punto modelli di utilizzo su base volontaria per usare in lavori socialmente utili profughi e rifugiati a livello comunale".

E DEL MINISTRO ALFANO

Al termine dell'incontro, il ministro Angelino Alfano ha dichiarato alla stampa "positivo incontro con Comuni e Regioni. Non si può chiedere l'equa distribuzione in Europa se non si realizza l'equa distribuzione in Italia. Ho trovato spirito di collaborazione e operatività. Ovviamente con qualche eccezione. Ma questo è normale".

Fonte foto: sardiniapost.it

Ilary Tiralongo

InfoOggi.it Il diritto di sapere