Libia, attacco armato a compagnia petrolifera di Stato, kamikaze si è fatto esplodere

2
Scarica in PDF
TRIPOLI, 10 SETTEMBRE – Secondo l'emittente Sky News Arabia, alcuni uomini armati non meglio i...

TRIPOLI, 10 SETTEMBRE – Secondo l'emittente Sky News Arabia, alcuni uomini armati non meglio identificati, hanno assaltato nel corso della mattinata la sede della National Oil Corp a Tripoli, la compagnia petrolifera pubblica libica.

Sul posto sono giunte le forze di sicurezza libiche, che hanno circondato il quartier generale della Noc. Le operazioni sono affidate al comando dell'area militare di Tripoli e alla milizia Forza di deterrenza. Diversi spari ed esplosioni sono stati avvertiti nel centro della capitale libica nei pressi della sede della compagnia.

Sul posto, secondo l'emittente locale al-Ahrar TV, ci sarebbero anche alcune ambulanze, ma non si hanno ancora notizie di vittime o feriti. 

Il corrispondente dell'emittente libica riferisce che gli assalitori sono barricati nell'edificio e che la polizia ha chiuso le strade intorno alla sede della compagnia petrolifera.

Inoltre un testimone oculare ha riferito al portale Al-Wasat che un imprecisato numero di dipendenti della compagnia petrolifera di Stato è riuscito ad abbandonare l'edificio, mentre altri si trovano ancora all'interno. Gli assalitori sarebbero armati di fucili mitragliatori e bombe a mano.Non ci sono state al momento rivendicazioni dell'azione, da parte di nessun gruppo.

Martedì scorso era stato firmato l'accordo, mediato dalla missione delle Nazioni Unite Unsmil, di cessate il fuoco. Da allora la situazione era rimasta sotto controllo nella maggior parte dei luoghi di scontro, nel sud della capitale.

AGGIORNAMENTO

L'emittente libica televisiva Al Hadath ha reso noto che un attentatore suicida si sarebbe fatto esplodere all'interno dell'edificio dove ha sede il quartier generale della compagnia petrolifera di bandiera. Un impiegato di un albergo che si trova vicino al luogo dell'attacco, riferisce di aver sentito almeno 5 esplosioni.

Le esplosioni hanno causato un incendio. Dall'edificio si sarebbe alzata una colonna di fumo. Sul posto i vigili del fuoco cercano di domare le fiamme. Le ambulanze hanno già trasportato diversi feriti.

Gli attentatori, almeno 6, si troverebbero ancora all'interno dell'edificio insieme ad alcuni dipendenti della Noc presi in ostaggio. A riferirlo sono il ministero degli Interni del Governo di Accordo Nazionale libico e l'emittente locale al-Ahrar TV. Il presidente della NOC, Mustafa Sanalla, sarebbe disperso. Non si sa se il manager si trovasse all'interno dell'edificio durante l'attacco.

Diana Sarti

Fonte foto: ilfattoquotidiano.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere