• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Piazza Affari, Resoconto della giornata (19/06/2013)

Lombardia

MILANO, 19 GIUGNO 2013 – Giornata nervosa per le principali delle principali Borse mondiali. Così, Piazze Affari archivia la seduta in flessione, con il Ftse Mib a -0,94% a 16.045 punti. In Europa: il Cac ha perso lo 0,55% a 3.839 punti, il Dax lo 0,39% a 8.197 punti, più evidente la flessione l'Ibex (-1% a 8.098 punti), mentre il Fse 100 chiude di misura sotto la parità (-0,4% a 6.348 punti). Stesso mood per Wall Street che, al momento della scrittura, viaggia sotto la parità: Dow Jones -0,12%, Nasdaq Composite -0,21% e S&P -0,17%.A 270 punti base lo spread tra il Btp e il Bund tedesco, col tasso sul decennale al 4,25%.

Il nervosismo nasce dall’attesa della decisione del Fomc e del numero uno della Fed, Ben Bernanke, che - di recente - ha dichiarato che la politica monetaria verrà adeguata sulla base dei dati macroeconomici, visto che quelli diffusi negli ultimi tempi non sono così entusiasmanti. [MORE]

In attesa di sapere quali decisioni saranno prese, sul paniere principale milanese, dove la maglia nera se l’è aggiudicata Azimut con una contrazione del 2,88% a 14,14 euro. Male l'intero settore dei bancari: Bper -2,24%, Mps -1,89%, Mediobanca -1,67%, Ubi Banca -1,31%, Intesa Sanpaolo -1,85%, Banco Popolare -1,14%, Unicredit -1,64%, Bpm (-1,82% a 0,3829 euro). Profondo rosso per Telecom Italia (-2,73% a 0,5335 euro) e Parmalat (-2,27% a 2,414 euro). Spicca in positivo Mediaset (+4,75% a 2,6 euro). Molto bene Diasorin (+3,95% a 31,85 euro), Finmeccanica (+2,03% a 4,02 euro). Infine, sul resto del listino continua il trend discendente di Rcs (-7,86% a 1,9 euro).

Rosy Merola