Summit Apec a Pechino, verso il libero scambio

23
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PECHINO, 11 NOVEMBRE 2014 – Il discorso del presidente cinese Xi Jinping ha aperto a Pechino i...

PECHINO, 11 NOVEMBRE 2014 – Il discorso del presidente cinese Xi Jinping ha aperto a Pechino il 22° vertice APEC (Asian Pacific Economic Cooperation), l’associazione che riunisce le più grandi economie del pianeta come Usa, Cina e Giappone.

In conferenza stampa, Xi Jinping ha annunciato la messa a punto da parte dei ventuno Paesi dell’APEC - rappresentanti il 57% del Pil mondiale - di una “road map” finalizzata alla realizzazione di una zona regionale di libero scambio, la Free Trade Area of the Asia-Pacific (Ftaap). Si è espresso in termini di «passo storico»: l’approvazione di tale decisione, precisa il leader cinese, «ha dimostrato la fiducia e la determinazione dell'Apec nel far avanzare l'integrazione economica regionale, ed è una decisione che verrà scritta nei libri di storia».

Asse Usa-Cina

Per il presidente Obama gli USA «vedono positivamente l'avvento di una prospera, pacifica e stabile Cina». Inoltre, ha anticipato un accordo relativo all’estensione dei visti per i cinesi interessati a trasferirsi in America per formarsi o per lavoro: «Questa è una grande vittoria - ha dichiarato - che potrà portare centinaia di migliaia di posti di lavoro addizionale negli Usa entro l'inizio degli anni 2020. Un grande risultato per l'economia».

Ieri, invece, lo stesso Obama aveva rivendicato alla Cina il «rispetto dei diritti umani» e della libertà di stampa.

Cina e Giappone: stretta di mano storica

Hanno fatto il giro del mondo le immagini della stretta di mano del presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro giapponese Ahinzo Abe, che per la prima volta dall’inizio del loro mandato hanno avuto un incontro (pur breve), a margine del quale il leader di Tokyo ha commentato soddisfatto: «È stato il primo passo per migliorare le relazioni tornando al punto di partenza di relazioni reciprocamente positive basate sui comuni interessi strategici».


Domenico Carelli

(Foto: iccwbo.org)

InfoOggi.it Il diritto di sapere