Vasco esce dalla clinica, nuovo clippino su facebook

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ZOCCA, 14 OTTOBRE 2011 - Allora è vero che l’erba cattiva non muore mai! Vasco Rossi &...

ZOCCA, 14 OTTOBRE 2011 - Allora è vero che l’erba cattiva non muore mai! Vasco Rossi è stato dimesso oggi dalla clinica privata di Villalba dove era stato ricoverato per sei settimane. La sua portavoce Tania Sachs lo conferma, la cura di antibiotici e di assoluto riposo è definitivamente conclusa e il Blasco si è finalmente ristabilito da quella rottura di una costola che lo ha costretto in esilio per gran parte dell’estate.


L’uscita da Villalba è stata come al solito annunciata dal solito “clippino” su Facebook «penso di aver pagato ormai il "conto" al mio fisico e adesso voglio ..."il resto"!», così commenta il Komandante, più agguerrito e grintoso che mai, pronto a riprendersi il posto nell’Olimpo degli dei del rock “all’italiana”. Non manca come al solito l’affetto dei fan, quasi 5000 commenti in meno di 24 ore e più di 20000 clic sul tasto Mi piace testimoniano la felicità del popolo di Facebook nel vedere finalmente il rocker di Zocca a passeggio all’aria aperta.


La riacquisita libertà non ha spento l’interesse di Vasco per il social network, dopo neanche un giorno il cantante è tornato sulla sua pagina per difendersi dallo scandalo Nonciclopedia: «Poveri, poveri...pooveri...quei ragazzi di nociclopedia, assaliti oltraggiati...mutati..(?!) da qll strnz di Vasco Rossi. Quel monumento al rock che non vuole smettere di scrivere canzoni e non vuole ritirarsi ..(!?) lasciando spazio...posto...passo...largo.... ai giovani!?.. Quanti ce ne sono di bravi e di belli ...ma lui è il piú br....ops!? ...il più...strnz di tutti!!...pooveri noi...(!?)....»


Il cambiamento sembra ormai definitivo, diciamo addio al rocker e diamo il benvenuto al nuovo social rocker. Speriamo solo che non faccia la fine di altri rocker dalla bocca larga come Pino Scotto o Richard Benson.


Andrea Portieri
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere