• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Benevento, madre lancia il figlio di 4 mesi in un dirupo e lo finisce a bastonate

Campania > Benevento

BENEVENTO, 16 SETTEMBRE – Orrore e sgomento nel Beneventano, per il ritrovamento del cadavere di un bambino di quattro mesi in un dirupo lungo la statale Telesina 372, tra gli svincoli di Solopaca e Telese Terme. Il piccolo, almeno secondo le prime informazioni emerse, sarebbe stato preso anche a bastonate in testa. La madre, 34 anni e gravemente indiziata del delitto, è piantonata in ospedale. 

La donna si sarebbe allontanata domenica sera dalla sua abitazione, in provincia di Avellino, a bordo della propria automobile, portando con sé suo figlio. Nella notte tra domenica e lunedì 16 settembre, percorrendo la statale Telesina all’altezza di Solopaca, dopo aver urtato con la sua Opel Corsa il guardrail, la donna è scesa dalla macchina e avrebbe lanciato il neonato in un dirupo. Dopo il folle gesto, la trentaquattrenne sarebbe scesa nella scarpata e una volta raggiunto il bambino lo avrebbe colpito alla testa con un bastone, presumibilmente con l’intento di “finirlo”. 

Alcuni automobilisti, alla vista dell’auto contro il guardrail, hanno chiamato i Carabinieri pensando che fosse avvenuto un incidente. Sul posto sono arrivati gli uomini dell’Arma, che hanno ricostruito l’agghiacciante vicenda, fermato l’infanticida, e provveduto a farla ricoverare presso il nosocomio di Benevento, dove è piantonata dai militari. 

La Procura di Benevento ha aperto un’inchiesta. L’allontanamento da casa della presunta assassina e del suo bambino era stato denunciato dal compagno qualche ora prima che si verificasse la tragedia. La donna è formalmente accusata di omicidio volontario. 

Gli investigatori sono al lavoro per cercare di capire i fattori scatenanti, i motivi che hanno spinto la trentaquattrenne a macchiarsi del crimine più aberrante e innaturale che gli esseri umani conoscano. Si indaga per ricostruire cosa sia avvenuto durante la giornata di ieri e se possano esserci disturbi psichici alla base dell’infanticidio. 

Luigi Cacciatori