• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Euro 2016, Portogallo-Francia: la finale. Ronaldo sfida un paese intero per entrare nella leggenda

Lombardia

PARIGI - Tutto pronto a Parigi per la grande finale di Euro 2016 tra Portogallo e Francia. Se i padroni di casa erano i grandi favoriti di questo Europeo, lo stesso non si può dire dei lusitani, che di partita in partita hanno sovvertito il pronostico e si presentano alla sfida dello Stadio Saint-Denis di Parigi con la tranquillità di chi non ha niente da perdere e prova a fare la partita della vita. [MORE]

Il Portogallo non batte la Francia da 41 anni ma nell'Europeo dei tabù sfatati sembra essere arrivato il momento di prendersi una rivincita. Le aspettative della squadra di Santos sono tutte, ovviamente, su Cristiano Ronaldo, che sfida un paese intero per prendersi una rivincita personale dopo la sconfitta della finale del 2004 contro la Grecia. Il campione del Real Madrid può contare sulla freschezza di Sanches e Joao Mario, tra le rivelazioni del torneo, mentre in difesa è certo il rientro di Pepe, che ha saltato la semifinale con il Galles per infortunio.

Il ct portoghese carica i suoi e si aspettata una grande prestazione: “Sarà una partita molto diversa da ciò che si è visto finora – afferma -. I paragoni con le amichevoli non c’entrano, lì entrambe le squadre adottavano un 4-4-2 e alcuni degli uomini che scesero in campo non sono nemmeno qui. Domani si giocherà soltanto per vincere, cambia tutto. E non penso che la Francia riproporrà lo stile di gioco che si è visto a Marsiglia con la Germania, credo che stavolta vorrà pressare alto e cercare di fare la partita. Era tra le mie tre favorite, insieme a Spagna e Germania”.

Non mancano poi i complimenti alla stessa della sua Nazionale, Cristiano Ronaldo: “Ho allenato Cristiano Ronaldo 14 anni fa nello Sporting Lisbona, non per molto perché poi è andato al Manchester United. Era veramente talentoso, voleva vincere assolutamente. È nato così, vuole essere il migliore, il più perfetto possibile. E penso sia il più forte calciatore al mondo.”

Dalla parte francese la pressione è nettamente superiore. La squadra di Didier Deschamps insegue il terzo titolo europeo e può contare sulla spinta di un paese intero. Per i padroni di casa però questo può rappresentare un ulteriore ostacolo verso la vittoria. I francesi hanno dalla loro uno score casalingo pressochè perfetto visto che nei tornei disputati in Francia hanno vinto 17 delle ultime 18 partite: campioni d'Europa nel 1984 e campioni del mondo nel 1998, i galletti non perdono una partita in casa in una fase finale dal ko contro l'Italia ai quarti dei Mondiali 1938.

A guidare l'attacco ci sarà il capocannoniere di questo Europeo, Griezmann, che con il passare delle partite è diventato il leader di questa Nazionale e ora vuole prendersi una rivincita su Ronaldo dopo la sconfitta in finale di Champions in cui lui sbagliò anche un calcio di rigore. Deschamps non si nasconde e accetta il favore del pronostico. Lui, che a Saint-Denis ha avuto l'onore di alzare la Coppa del Mondo nel '98, sembra quello può rilassato alla viglia e si definisce “tranquillo, felice, capace di godersi il momento: non sentiamo la pressione di vincere in casa, ma piuttosto una forte adrenalina”.

Massima fiducia nella sua squadra dunque, che ha plasmato a sua immagine a somiglianza: “Abbiamo sempre avuto lo spirito giusto e lo abbiamo conservato gelosamente anche nei momenti meno facili — spiega il ct francese —. I ragazzi sono come me: non mollano niente e questo mi piace. Perché nello sport di alto livello il vero piacere è vincere, non c’è niente di più bello. Poi bisogna accettare quello che succede, ma bisogna fare di tutto per vincere. Senza avere alcun rimpianto”.

Probabili Formazioni:

Portogallo (4-1-3-2): Rui Patricio, Cedric, Pepe, Fonte, R. Guerreiro, W.Carvalho, Sanches, Silva, Joao Mario, Nani, Ronaldo; All. Fernando Santos.  

Francia (4-2-3-1): Lloris, Sagna, Koscielny, Umtiti, Evra, Pogba, Matuidi, Sissoko, Griezmann, Payet, Giroud; All. Deschamps

 

Giuseppe Sanzi