La legalità? È come una bicicletta

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TRAPANI, 23 MAGGIO 2012 - Una mattinata interamente dedicata alla Legalità, quella che l...

TRAPANI, 23 MAGGIO 2012 - Una mattinata interamente dedicata alla Legalità, quella che la Consulta provinciale degli studenti ha organizzato qualche settimana fa a Trapani in collaborazione con i colleghi di Novara. Centinaia di studenti provenienti da tutte le scuole della provincia di Trapani hanno gremito l’aula magna del polo didattico universitario.

Ad accompagnare il dibattito diverse figure istituzionali, a partire dal procuratore aggiunto Ambrogio Cartosio che ha illustrato il fenomeno e i suoi rapporti con il territorio. Ha parlato dell’infiltrazione della mafia nell’economia e dei gravi danni che questa provoca all’economia stessa. «L’ associazione mafiosa» – ha spiegato il procuratore - «non è qualcosa di semplice. Essa ha lo scopo principale di esercitare il suo potere su un territorio. Negli ultimi anni ci sono stati grandissimi progressi nella lotta alla mafia e ciò grazie alla rivoluzione avviata da Giovanni Falcone». Come dire che tra tanta nebbia, non si deve mai smettere di sperare in un futuro senza mafie. Interamente rivolto agli studenti è stato invece l’intervento di Rosario Leone, provveditore di Trapani. Una specie di invito quello di Leone, che ha così commentato: «È davvero molto importante che voi giovani partecipiate alla vita politica perché è la politica che fa le scelte ed è dalla politica che si attiva il cambiamento. È molto importante che voi giovani partecipiate alle scelte degli uomini politici, attraverso l’esercizio del voto. Non allontanatevi dalla politica perché ciò significherebbe rinunciare alla possibilità di partecipare alla costruzione del vostro futuro e del futuro della società». Efficace, infine, l’intervento di Matteo Digrelli, presidente della consulta provinciale degli studenti di Novara: «La legalità è come una bicicletta dove noi ragazzi siamo i pedali, e se non li muoviamo perderemo l’ equilibrio e cadremo».

Pietro De Gregorio
Istituto d’Istruzione Superiore “Giovanni Biagio Amico”, Trapani

(foto: ilcorrieredellalegalità.com)

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere