• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Leggere in primavera

Calabria

 27 MARZO 2015Primavera. Tempo di risveglio della natura. Tiepido Sole che timido si affaccia ad ogni giorno. Ed ecco che tutto assume veste nuova. Nuovi colori, sapori, odori. Lo slancio della vita che rinnova. Tutto appare più roseo e promettente. A tutti, un po’ a tutti, ma in particolare ai giovani che nella primavera vedono rispecchiarsi la loro spensierata età carica di promesse e di tante e tante attese.

L’adolescenza che sboccia, così come i fiori nei campi, gli uccelli che nascono al cielo e i prati bagnati di rugiada. Ogni cosa parla di novità, scoperte, rinascite. Perciò la primavera è buon tempo anche per leggere.
È pur vero che noto è l’antico detto: “Aprile, (ormai alle porte) dolce dormire.” ma, in ogni caso, dedicarsi alla lettura anche in questo tempo “lento” è certamente una bella e accattivante prospettiva.
A scuola si fatica a star sui libri, preme l’arrivo delle vacanze sospirate, tuttavia il desiderio della conoscenza non decresce, non si affievolisce anzi rinverdisce.

Cosa suggerire quindi tra le tante letture da avviare?

[MORE]
Certamente di seguire i propri interessi, le proprie aspirazioni ma se, tra una cosa e l’altra, non ci si vuole appesantire è utile guardare in prospettiva al “verso” che è diverso.

Una nota di poesia; fresca, mattutina, corta, piccolina. Che non impegni troppo, che trastulli, che diverta, che rilassi. Una nota di colore e buonumore.

Una proposta, quindi, da coglier come fiore, perché dia gioia e porti anche stupore. In tal sede, a proposito, si riportano a titolo esemplificativo i versi di Trilussa sulla felicità delle piccole cose. La poesia invita a valorizzare la bellezza delle cose più semplici, a scoprire in esse l’immensa ricchezza che vi si nasconde per poter bene poi apprezzare tutto della vita. Un assaggio di primavera, un sorso di vita che si sfiora.

Felicità (Trilussa)

C’è un’ape che si posa
su un bocciolo di rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

Simona Barberio