Serie A: la presentazione della 36ª giornata

11
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PISA, 16 MAGGIO 2015 - Apre il derby d’Italia tra Inter e Juventus e la sfida di Marassi tra S...

PISA, 16 MAGGIO 2015 - Apre il derby d’Italia tra Inter e Juventus e la sfida di Marassi tra Sampdoria e Lazio. Domenica Milan e Roma mentre chiudono il programma Fiorentina e Napoli che affrontano Parma e Cesena, già retrocesse. 

Si parte con due grandi partite che possono decidere la volata per la Champions e l’Europa League. Inter – Juventus e soprattutto Sampdoria – Lazio sono un vero e proprio crocevia per l’intera stagione. Domani la Roma, con l’Udinese, potrebbe sfruttare il difficile turno dei cugini per aumentare il vantaggio in vista del derby di domenica prossima. In zona retrocessione il Cagliari prova ad aggrapparsi alle ultime speranze di salvezza ma per farlo deve assolutamente battere il Palermo e sperare in un passo falso dell’Atalanta. Lunedì chiudono le grandi deluse della settimana di coppa, Fiorentina e Napoli.


È un grande sabato quello che apre la 36ª giornata di Serie A. Alle 18 a San Siro si parte con il derby d’Italia tra Inter e Juventus. I bianconeri si presentano al cospetto degli storici rivali in formazione ampiamente rimaneggiata dopo la grande impresa del Bernabeu che ha aperto le porte della finale di Champions League. Mercoledì poi, Allegri e i suoi ragazzi hanno un’altra finale, quella di Coppa Italia, originariamente prevista per l’8 giugno e anticipata dalla Lega per permettere ai Campioni d’Italia di concentrarsi sulla sfida di Berlino. Di fronte avranno una squadra, l’Inter, che è a soli due punti da sesto posto, a tre dal quinto, che varrebbe la qualificazione alla prossima edizione di Europa League. Anche Mancini deve fare a meno di due uomini importanti come Hernanes, squalificato, e Guarin, out per infortunio. Il tecnico di Jesi si affiderà al trio formato da Shaqiri, Palacio e soprattutto Icardi, a segno cinque volte nelle ultime quattro sfide alla Juventus. Dall’altra parte ci sarà Morata, giustiziere del Real Madrid, a guidare l’attacco insieme a Coman e Pepe. L’attaccante spagnolo, così come Marchisio, mercoledì non potrà dare una mano ai suoi compagni a causa di una squalifica rimediata nella semifinale con la Fiorentina.

Alle 20.45 tocca a Sampdoria e Lazio dare tutto per centrare i proprio obiettivi. I blucerchiati, sesti in classifica, non possono commettere passi falsi dato che le inseguitrici, Genoa e Inter, sono davvero vicine. La squadra di Mihajlovic, vincendo metterebbe una seria ipoteca sulla qualificazione in Europa League dato che nelle ultime due giornate dovrebbe giocare con Empoli e Parma, ormai tranquille. Sull’altra sponda, vietato sbagliare anche per i biancocelesti che si giocano un’intera stagione in questa settimana. Dopo la sfida di Genova infatti, ci sarà la finale di Coppa Italia e poi il derby con la Roma, senza dimenticare che l’ultima di campionato li vedrà di scena a Napoli. Pioli dunque chiede un ultimo sforzo ai suoi ragazzi anche se la condizione fisica sembra essere precaria. Il tecnico recupera De Vrij ma perde Marchetti e Mauricio, squalificati. Il tecnico dei liguri sembra intenzionato a riproporre lo stesso undici che ha sbancato Udine, con Muriel ed Eto’o supportati da Soriano anche se De Silvestri e Romagnoli, al rientro, spingono per un posto da titolare.

Domenica l’ormai consueta partita dell’ora di pranzo vede la sfida tra Sassuolo e Milan. I neroverdi sono tornati alla vittoria sul campo del Cesena dopo cinque turni ed hanno raggiunto quota 40, che dopo il grande girone d’andata sembrava scontato. Stessa situazione per la squadra di Inzaghi, che battendo la Roma si è tolta una bella soddisfazione anche se la stagione rimane ampiamente negativa. Per il tecnico dei rossoneri sarà una partita particolare dato che lo scorso anno, dopo l’esonero di Di Francesco, gli era stata offerta proprio la panchina degli emiliani. Ora, tra due squadre che non hanno più nulla da chiedere, ci aspetta quantomeno una bella partita con tanti gol. Partita molto delicata è invece quella delle 15 tra Atalanta e Genoa. I padroni di casa, pur avendo otto punti di vantaggio sul Cagliari, vogliono chiudere ogni discorso per la salvezza ma per farlo dovranno battere una squadra in salute che prova a centrare il sesto posto occupato dalla Samp, non un dettaglio. La squadra di Reja ha perso solo una volta nelle ultime dieci partite, proprio da quando c’è stato il cambio di panchina, e ora vuole regalare una bella vittoria al suo pubblico. Gasperini proverà a portare a casa i tre punti senza molti elementi importanti come Perotti, De Maio, e Tino Costa, ai quali si è aggiunto nelle ultime ore anche Niang per un problema al ginocchio. Il tecnico rossoblu si affida allora alla vena realizzativa di Iago Falque, a segno undici volta in campionato.

Contemporaneamente, a Cagliari, la squadra di casa proverà a battere il Palermo per tenere viva una minima speranza di salvezza. Ovviamente saranno molto importanti le notizie che giungeranno da Bergamo e che potrebbero rendere un’eventuale vittoria del tutto inutile. I rosanero vorranno sicuramente rifarsi dopo la sconfitta interna di domenica scorsa e Iachini pensa di dare una seconda chance a Belotti, che ha fallito un calcio di rigore. Ancora panchina per Dybala, ormai a tutti gli effetti un giocatore della Juventus, che verrà preservato per evitare infortuni. A Torino, nella sfida con il Chievo, i granata di Ventura provano a dimenticare le due sconfitte consecutive che hanno pregiudicato ogni ambizione di centrare il sesto posto. L’ex tecnico di Pisa e Bari deve anche rinunciare a uomini importanti come Quagliarella e Bruno Peres e davanti propone la coppia Maxi Lopez – Martinez. La squadra di Maran viene dal pareggio nel derby con l’Hellas e potrebbe dare spazio dal 1’ a Meggiorini al posto di capitan Pellissier. L’unico obiettivo dei gialloblu è ormai quello di rimanere davanti ai cugini fino a fine stagione.

Stessa missione per la squadra di Mandorlini quindi, che al Bentegodi, contro l’Empoli, tenterà il sorpasso. Entrambe le squadra hanno la propensione ad attaccare e ci attende una sfida con molti gol visto che anche che tra i gialloblu si tenterà di far segnare Luca Toni, per consentire al bomber di vincere la classifica dei cannonieri. Sfida più importante è certamente il posticipo serale tra Roma e Udinese che chiuderà la domenica di campionato. I giallorossi vogliono approfittare del turno complicato della Lazio per portarsi davanti in classifica, in vista del derby di domenica prossima. Garcia, dopo tre panchine consecutive, dovrebbe riproporre capitan Totti dal primo minuto insieme a Ibarbo e Iturbe. Il tecnico francese deve però fare a meno di Florenzi, forse il migliore delle ultime giornate, e di Gervinho, out fino al termine della stagione. Tra i bianconeri invece nessuna pressione dato che la salvezza è ormai in ghiaccio da un po’ di tempo e quindi si proverà a regalare a Totò Di Natale un’altra grande serata. La partita dei padroni di casa potrebbe rivelarsi quindi più complicata delle previsioni dato che i friulani vorranno vendicare la sconfitta, tra mille polemiche, dell’andata.

A chiudere la 36ª giornata saranno la Fiorentina e il Napoli, che lunedì affronteranno le due retrocesse di questo campionato, Parma e Cesena. La squadra di Montella è uscita con le ossa rotte dalla semifinale di Europa League con il Siviglia, dato che dopo il 3-0 rimediato in Spagna è arrivato anche lo 0-2 al Franchi. Ora i viola proveranno a congelare il quinto posto contro una formazione che ha già vinto all’andata e che sta creando dei grattacapo a tutti in questo girone di ritorno. Se la Fiorentina piange, il Napoli non ride. Gli azzurri infatti, dopo l’1-1 dell’andata, sono usciti sconfitti per 1-0 dalla sfida di Kiev con il Dnipro ed hanno visto sfumare quella che poteva essere una finale europea che mancava da ben ventisei anni. La squadra di Benitez ora prova a concentrarsi per queste ultime tre partite in cui ci si gioca anche buona parte della prossima stagione.
 

 

 

Programma 36ª giornata
Inter Juventus    Sabato    18.00
Sampdoria Lazio         "           20.45
Sassuolo Milan Domenica  12.30
Torino Chievo         "           15.00
Atalanta Genoa         "           15.00
Cagliari Palermo         "           15.00
Verona Empoli         "           15.00
Roma Udinese         "           20.45
Fiorentina Parma    Lunedì     19.00    
Napoli Cesena         "           21.00

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere