Calcio Sicilia: il punto sulla giornata

14
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PALERMO, 18 NOVEMBRE 2013 - Il Catania approfitta della sosta in Serie A per recuperare gli infortun...

PALERMO, 18 NOVEMBRE 2013 - Il Catania approfitta della sosta in Serie A per recuperare gli infortunati e memorizzare al meglio gli schemi di mister De Canio. Nella 14^ giornata di Serie B, invece, il Palermo vince contro la Reggina per 2 a 0 e balza al primo posto in classifica assieme ad Empoli e Avellino. Il Trapani, dopo nove giornate senza vittoria, batte dentro casa il Novara per 2 a 1 e torna al successo.

Il Palermo targato Iachini ha raggiunto il primo piccolo obiettivo stagionale: la vetta della classifica. Dopo otto giornate alla guida della panchina rosanero per Iachini parlano chiaro i risultati ed i numeri: 20 punti e tre soli reti subiti. Adesso viene il bello, ovvero confermarsi e continuare su questi ritmi, d’altronde il vero obiettivo è vincere il campionato. E anche la vittoria al “Granillo” di Reggio Calabria ha confermato che il Palermo è squadra quadrata, cinica, come non la si vedeva da tempo, che sa soffrire ed anche fortunata negli episodi (vedi rigore negato ai padroni di casa al 33’ della ripresa che poteva riportare la gara in parità), fattore che nel calcio non guasta mai.

I rosa partono subito forte e all’8 è già vantaggio: Lafferty in piena area di rigore si ritrova un pallone a spiovere tira forte, Benassi respinge ma capitan Barreto, ex di turno, ribadisce in rete con tanto di scuse al pubblico. Palermo avanti e che cerca il raddoppio approfittando di una Reggina ancora stordita. Al 15’ su un cross di Morganella, Troianello effettua un bel tiro in mezza girata ma Benassi è sempre attento. E lo stesso portiere granata si ripete poco dopo su Barreto che ci prova dalla distanza.

Nella ripresa dagli spogliatoi la Reggina esce con un altro piglio, ma la prima palla gol è degli ospiti con Troianello che riceve un bel cross dalla sinistra e di testa indirizza al secondo palo con la palla che esce di un soffio. Dall’altra parte a suonare la carica ci prova Di Michele, altro ex della gara, che approfittando di un retropassaggio avventato di Milanovic si ritrova tutto solo davanti a Sorrentino lo supera ma poi sul più bello calcia fuori. Palermo che potrebbe chiudere poco dopo il match ma il colpo di testa ravvicinato di Malele esalta di nuovo Benussi. Passano pochi minuti e arriva l’episodio che poteva cambiare le sorti dell’incontro: al 78’ Di Michele tira a porta quasi sguarnita ma interviene Andelkovic che respinge. Per l’arbitro Mariani è spalla ma in realtà la deviazione del difensore è col braccio. Tant’è: rigore negato, con annessa mancata espulsione per il giocatore ospite, e risultato invariato. Fino all’89 quando su una punizione dalla sinistra di Barreto, Benussi commette l’unica svista della serata, uscendo a vuoto, e Milanovic può comodamente mettere in rete di testa per il 2 a 0 finale.

Dopo la pesante sconfitta nel derby di domenica scorsa, ma soprattutto dopo le nove giornate senza mai portare a casa i 3 punti, il Trapani necessitava di una vittoria scaccia crisi. Così è stato. Al “Provinciale”, contro il Novara, la squadra di Boscaglia è riuscita a sopperire con il cuore e la determinazione le pesanti assenze e le insicurezze di gioco a tratti mostrate, specie nei disimpegni.

I granata partono forte e al 1’ conquistano subito un calcio d’angolo con il portiere ospite Tomasig costretto a chiudere su Mancosu ben lanciato in profondità. Dopo una fase di studio al 30’ arriva il vantaggio del Novara: punizione di Genevier per l’implacabile Rubino che di testa manda in rete. I padroni di casa non ci stanno e reagiscono immediatamente al 32’ con Pirrone che dal limite d’area fa partire un forte tiro con la sfera che si stampa prima sull’interno della traversa e poi rimbalza dentro il campo. Dopo una buona occasione al 36’ costruita da Mancosu e Gambino, con quest’ultimo che però concludeva debolmente, il Trapani va di nuovo vicino al pareggio sullo scadere del primo tempo col solito Pirrone che, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, si esibisce sotto porta in una spettacolare rovesciata che va fuori di poco.

Nella ripresa al 15’ arriva il pari granata: dalla sinistra Rizzato mette in mezzo per il bomber Mancosu (vedi foto copertina) che manda in rete siglando il suo ottavo centro stagionale. Con la partita di nuovo in equilibrio, pur dinanzi ad un Novara attento ed ostinato, la squadra di Boscaglia prende coraggio ed inizia a macinare il suo solito gioco con più decisione. Atteggiamento che viene premiato al 36’ quando il subentrato Basso con un destro da fuori trova la rete finale del 2 a 1 che fa esplodere di gioia il “Provinciale”.

(Immagine da sport.trapanipiu.it)

Giovanni Maria Elia

InfoOggi.it Il diritto di sapere